I delitti della terza via

Fu distolto dai propri pensieri dal suono del telefonino, che cominciò a squillare nello stesso istante in cui si accingeva ad aprire la porta e uscire dal palazzo.

«Pronto?».

Dall’altra parte si sentiva solo un lontano rumore di automobili, finché non si udì anche una voce profonda scandire lentamente le parole:

«La terza via è aperta. La prossima volta ucciderò».

 

“In una Bologna invernale e ricoperta da un’imperscrutabile ovatta di neve, cominciano a ripetersi strani episodi di violenza, che riconducono a una sola mente tragicamente fuorviata. L’investigatore privato Giorgio Macchiavelli, detto “Macchia”, e l’amico Luciano Solmi, Lozzi, sedicente “psicologo”, si immergeranno sempre più addentro un territorio sinistro e tenebroso, di deriva e di orrore, costituito da labirinti tortuosi e ossificati come stratificazioni umbratili e contaminanti. Una città che ha fatto della gioia di vivere il proprio manifesto si trova così a scoprire vite parallele, pieghe oscure dell’esistenza, che nessuno vorrebbe esistessero o scorgere: la scoperta del male e della dolorosa crudeltà psicopatica, all’interno della quale anche vittima e carnefice possono risultare confusi.”

Tutto ciò che riguarda il mio libro lo trovate  qui.

About Davide Piazzi

Scrivo, leggo, penso. A volte ragiono
This entry was posted in I delitti della terza via and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s